Sviste o censure?

Oggi due quotidiani locali hanno pubblicato integralmente (si fa per dire) il nostro comunicato di ieri, mentre gli altri hanno riportato alcuni passaggi tra virgolette all’interno di articoli. Provate a dare un’occhiata a come sono passati sui due quotidiani che li hanno pubblicati integralmente (in un caso il senso della frase risulta addirittura indecifrabile), ci sarebbero altre sottili differenze, ma ci limitiamo a farvi analizzare il penultimo capitolo. Vi riportiamo prima il capitolo originale, poi i due pezzi con [tra parentesi quadre e grassetto] il testo omesso e {tra graffe} le parole originali cambiate con altre. A voi l’arduo giudizio.

Testo originale del Comunicato del 22 febbraio:

Purtroppo questa è pura fantasia, dal momento che presupporrebbe che i nostri politici abbiano “le palle” e ne raccontassero di meno, invece è vero il contrario, purtroppo. Tutti a sbavare davanti ai milioni di euro, frutto delle fatiche di tutti i cittadini, e all’idea di aprire centinaia di cantieri senza fine, a tutto vantaggio di mafie e clientele, e sulla pelle dei cittadini.

Il Messaggero di Rieti del 23 febbraio:

Purtroppo questa è pura fantasia, dal momento che presupporrebbe che i nostri politici abbiano [“le palle” e] ne raccontassero di meno[, invece è vero il contrario, purtroppo. Tutti a sbavare davanti ai milioni di euro, frutto delle fatiche di tutti i cittadini, e all’idea di aprire centinaia di cantieri senza fine, a tutto vantaggio di mafie e clientele, e sulla pelle dei cittadini].

Nuovo Rieti Oggi del 23 febbraio:

Purtroppo questa è pura fantasia, dal momento che presupporrebbe che i nostri politici abbiano gli attributi {“le palle”} (termine originale più colorito) e ne raccontassero di meno[, invece è vero il contrario, purtroppo]. Tutti a sbavare davanti ai milioni di euro, frutto delle fatiche dei {di tutti} i cittadini, e all’idea di aprire centinaia di cantieri senza fine, a {tutto} vantaggio di mafie e clientele, e sulla pelle dei cittadini.

Che ne dite? Sciatteria giornalistica? Refusi? O censure? Noi diciamo solo che se fossero censure significherebbe che ci troviamo davanti ad una verità incontestabile e scomoda (non si censura ciò che è opinabile). Speriamo di sbagliarci. E ci aspettiamo un chiarimento da Il Messaggero di Rieti e da Nuova Rieti Oggi.